venerdì

14 APRILE - Lunedì Diario




14 APRILE = Lunedì = ( City Maribor - Maps )

Partenza in tarda mattinata. 41 km Gomja radgona = km 18 Murska sobota = km 37 arrivo a Lendava (tot km 96)

Lendava – abitanti 12.000


Centro termale molto rilassante, fù scoperto nel 1965, durante la perforazione del suolo alla ricerca dell’oro nero, niente petrolio ma comunque una ricchezza per gli abitanti del luogo, l’acqua termale appunto. Esiste solo una sorgente e tutta l’economia della cittadina verte su questa risorsa naturale. Gli abitanti sono molto cordiali ed hanno un rispetto dell’ambiente notevole, con flora e fauna in abbondanza . Alle terme, oltre a tutti i servizi comunemente di sua competenza: sauna, massaggi ecc vi è una bellissima piscina.
Rimando a domani il passaggio del confine.
Trovo un alloggio presso le Terme dove si può anche cenare, ho fame stamani ho bevuto solo il caffè. Dopo pranzo, consumato presso un self service, mi rilasso al bar ad osservare la presenza di bellezze locali che vi lavorano o a turiste più o meno giovani che vengono a ritonificare il proprio corpo.
Due parole con una coppia di anziani italiani che tutti gli anni passano una settimana a bere e rinfrescarsi alla fonte della vita, così dicono loro.

"Siamo in pensione da molti anni ormai, avevamo un attività piuttosto redditizia e dopo tanti anni dedicati solo al lavoro adesso posssiamo goderci un poco di riposo. Abbiamo due figli già sposati con un figlio ognuno che sono un amore, tra un viaggio e l'altro andiamo a trovarli e gli portiamo dei ricordini dei posti che visitiamo. Adesso ci rimettiamo in forma e poi ripartiamo per altri posti da visitare, siamo diventati dei giramondo."

Mi intrattengono ancora per una mezz'ora, informandomi dei benefici di queste acque curative e della bellezza dei luoghi circostanti elogiando l’impegno dei nativi nel creare infrastutture adeguate all’ambiente e grande capacità d’impresa e commercio.
Questi signori sono una coppia fortunata e forse molto egoista, ma così purtroppo va il mondo, se penso ai milioni di pensionati che non riescono ad arrivare a fine mese mi metto a pensare troppo e potrei mettermi a discutere con loro, ma non sono quì, nel "Viaggio", per dare lezioni ma per osservare.
In effetti devo riconoscere nel percorrere le strade slovene, che l’ambiente è curato, i paesaggi e i paesi incontrati sono bellissimi. Brindiamo con un’ultimo bicchiere di questa acqua benefica.
Mi hanno incuriosito le loro chiacchere, voglio provare l’ebrezza di una sauna e di un massaggio rilassante.
Mi reco al centro accoglienza della struttura termale, una ragazza da sballo, con camice bianco che invita a sogni proibiti, mi fà strada e arrivati davanti alla porta che introduce alla sauna mi porge l’asciugamano e mi invita ad entrare. Il caldo è quasi opprimente, un quarto d’ora in quel forno e sono lesso a puntino, esco e faccio una doccia che a me sembra gelata. Un’altra ragazza altrettanto carina, mi accompagna in sala massaggi e purtroppo non sarà lei a farmeli, ma un’energumena di cento chili che mi strapazza per una buona mezz’ora.
Esco distrutto dall’edificio termale e mi avvio presso la mia cameretta per riposarmi un poco prima di cena.
Scendo al ristorante delle Terme, l’ambiente è carino ed elegante, il suono delle voci dei clienti, basso ed educato, direi un ambiente schic. Il pranzo è servito da camerieri impeccabili e molto professionali, devo dire che sono abbastanza imbarazzato e un pò a disagio di tutta quella gentilezza, non ci sono abituato.
Mi vengono serviti piatti elaborati ma come quantità un pò scarsi, data la mia abitudine di vedere i piatti pieni, ho paura di alzarmi con la fame, così non è stato, per quanto risicate, le portate erano molte e devo dire che ho mangiato veramente bene.
E’ già l’ora di far riposare le proprie membra strapazzate, sotto lenzuola profumate di lavanda, in attesa che Morfeo mi faccia chiudere gli occhi, rifletto su questi primi tre giorni di viaggio.
Per adesso mi sento come se fossi in vacanza, ancora non ho raggiunto il sentimento di distacco, trà l’euforia dell’idea di viaggiare alla curiosità di conoscere più intimamente questi popoli.
>(CONTINUA DIARIO DEL GIORNO 15 APRILE)


0 commenti: