lunedì

25 APRILE Venerdì Diario




25 Aprile = Venerdì = ( City Omolouc - Maps )

Mi sveglio, dopo aver poltrito tra le coperte una buona mezz’ora, saldo il conto ed esco per andare al pub, della sera prima a fare colazione.
Alle 10 metto in moto l’auto e riparto

km 79 Brno = km 102 Humpolec = km 89 arrivo a Praga = ( tot km 270 )

Praga = (Praha) Capitale Repubblica Ceca- abitanti 1.200.000




Per la Storia quì ebbe inizio “la Guerra dei Trent'anni” , ha diversi soprannomi, quali: la città delle Cento Torri, la Città Dorata, la madre di tutte le città ecc.
La sua cultura è un mix frà religione, filosofia e arte, incrocio di culture e scambi commerciali tra est ed ovest.
Arrivo in città che è già notte inoltrata, non mi sono voluto fermare perchè con l’autostrada, pensavo di arrivare prima, ma ho voluto fare una sosta a Brno per visitare il circuito motociclistico e ho pranzato presso un chiosco presente sul posto.
Le corse di auto e moto sono la mia unica passione sportiva, purtroppo poche volte ho avuto occasione di essere presente su un circuito durante una gara, descrivere l'emozione che danno i rumori, gli odori e la sensazione di potenza che emanano questi motori è indescrivibile, solo chi è appassionato alle corse come me può capire il brivido che offrono questi bolidi a due o quattro ruote.
Senza contare poi l'ambiente delle tribune con i loro Fans e il paddok, dove una varietà di individui circolano sia per lavoro che per dire "io c'ero". Manager, piloti, meccanici, sponsor ma anche uomini d'affari invitati solo perchè "sono qualcuno"
Ma la cosa che più attira nell'attesa del via alla corsa sono le Miss, ragazze che ad ogni corsa sono presenti accanto ai piloti per "assisterli" con i loro ombrellini multicolori ma anche con dei corpi eccezionali, il pubblico ammira, si i piloti e le macchine, ma non disdegna ammirare quelle bellezze, apprezzate ovviamente dal pubblico maschile.
Mi è venuto in mente che oggi è la ricorrenza in Italia, del "25 Aprile-Festa Nazionale della Liberazione". Ma quanti sono, specie i giovani italiani, che si ricordano del perchè si festeggia questo giorno? Una parte di italiani lo sanno e ne sono orgogliosi, altri invece vedono quel giorno come infausto perchè ricorda la loro sconfitta, ma quello che mi dispiace è che a molti altri non importa niente di questo storico giorno.
Una parte del potere politico ha la tentazione di eliminare o almeno declassare questa ricorrenza, mi auguro che non ci riescano.

Adesso non mi rimane altro che cercare un giaciglio per dormire e data l’ora mi fermo lungo il fiume Moldava, al primo albergo che trovo. Mi riprometto però che domani cercherò un monolocale per passare qualche giorno in questa meravigliosa e intrigante città.
>(CONTINUA DIARIO DEL GIORNO26 APRILE)


0 commenti: