sabato

31 MAGGIO Sabato Diario




31 Maggio = Sabato = ( City Zhitomir - Maps )

Alle 8 sono già pronto, guardo nella strada, non cè nessuno, un silenzio quasi irreale mi riporta al ricordo che oggi è Sabato, giorno di festa per molti lavoratori.
Passa un carretto carico di verdure, trainato da un cavallo, questi tipici e antichi mezzi di trasporto, frà non molto verranno soppiantati da mezzi a motore, dato che l’Ucraina, stà correndo velocemente verso una nuova società più moderna e occidentalizzata, mangio un toast al bar e riparto per una nuova destinazione.

Km 96 Novograd = km 104 arrivo a Rivne - ( tot km 200 )

Rivne = abitanti 249.000 =

Città sperduta sulla strada statale, al bivio che porta al confine ungherese o a quello polacco, località che ha pochi monumenti interessanti: la Chiesa di Assunta, la Cattedrale di Intercessione e la Cattedrale di Assunzione, e altri ancora.
Per me è una citta di transito, sono attratto più dalla prossima città Lvov l’antica Leopoli, mi sistemo presso una famiglia indicatomi da un’anziana signora all’ingresso della cittadina.
La casa è gestita da una donna che gentilmente mi offre una gradevole stanza, tinteggiata con i colori del sole e del mare.
Caso raro al di fuori degli hotel, ha il bagno in camera, nè approfitto e mi faccio una lunga doccia corroborante, dopodiche cerco un posto dove riempire lo stomaco.
Finito il pasto mi dedico al turismo e a piedi giro per la citta, visitando il monumento in ricordo degli ebrei vittime dell’Olocausto e chiese, in poche ore vedo tutto quello che cè da conoscere.
Pensavo di aver finito il mio giro turistico quando mi imbatto nello Zoo della città.
Non mi piaccciono gli animali in gabbia ma sono interessato di vedere come vengono trattati, anche se per quanto bene siano mantenuti non saranno mai in un ambiente naturale per loro congeniale.
Non so se la notte da queste parti esiste un pò di vita ma forse essendo Sabato, qualcosa ci deve essere.
Mancano pochi minuti alle 22, ho passato un paio d’ore sul letto non avendo voglia di mangiare, dato che il pasto di mezzodì è stato abbondante.
Sono curioso di vedere che succede in una piccola città di provincia, come si divertiranno gli abitanti del luogo?
Mi giunge un suono famigliare di motori, sembrano moto in corsa, mi avvio avvicinandomi verso questo rumore che per me è musica.
Fatto qualche centinaio di metri mi trovo davanti uno spettacolo di mezzi in corsa su un circuito di terra battuta, sono Speedway corse in moto elaborate e spettacolari .
Assisto con passione e gran divertimento ma verso le 23 tutto finisce, troppo presto, mi accingo allora a ricercare un'altro posto per finire la serata
Delusione totale. Nel mio giro alla ricerca inutile di un qualsivoglia locale, non sono stato capace di trovarlo, mi sono fermato ad un caffè, un uomo, a cui chiedo notizie al riguardo, non pare interessato alla mia richiesta d’aiuto, mi invita invece , con fare burbero, a bere con lui.
Visto che la serata è persa accetto, l’uomo ha voglia di parlare e davanti ad un bicchiere di vodka racconta il suo pensiero:

Questa è una città senza molte attrattive, i giorni passano monotoni, il, costo della vita aumenta sempre più e per noi uomini, che hanno passato la cinquantina, diventa sempre più difficile andare avanti.
L’alcolismo purtroppo è una c diffusa, in misura minore, anche tra i giovani.

Molte nostre donne sono emigrate all’estero, causando in alcune famiglie, divorzi, sacrifici, figli che non vedono le madri da anni, e alcune ragazze, che purtroppo il miraggio del benessere o l’inganno, a reso
schiave del sesso.
Devo riconoscere però, che la gran parte dei cittadini, si danno d’affare per migliorare la loro condizione economica, con impegno e intelligenza, cercando e inventandosi lavori di qualsiasi genere, creando imprese, aprendo negozi di vario genere, insomma il futuro, per quanto io nè abbia timore, fà intravedere un grande fermento positivo in tutta l’Ucraina


Nonostante tutto, quest’uomo, a fiducia nel futuro del suo popolo, finiamo di bere e salutandoci come vecchi amici ci congediamo con un abbraccio.
La signora del mio alloggio, mi attende seduta davanti al televisore, mi ha atteso perchè preferisce chiudere la porta a chiave la notte, mi scuso del ritardo e dandogli la buonanotte, mi dirigo nella mia camera.
>(CONTINUA DIARIO DEL GIORNO 1 GIUGNO)


0 commenti: